Storia

Eravamo nella primavera del 1981 quando Marcello Pradel che praticava questo sport già da un po’, disegna una prima rudimentale cartina della Val Canali per i finanzieri. E’ nel marzo dello stesso anno che viene organizzata la prima gara ufficiale di orientamento nella nostra Valle vinta da Giuseppe Della Sega davanti a Marziano Weber e a Giacomo Corona di Mezzano: da qui la proposta ad alcuni di noi (Renzo, Gianfranco,Roberto…), che a quel tempo si dedicavano soprattutto allo sci da fondo, a provare questo nuovo sport. Si ricordano abbastanza bene i primi allenamenti nella zona Castelpietra, Lago Welsperg. I primi semi erano stati gettati, si trattava ora di aspettare che essi avessero attecchito e fossero germogliati. Al momento la cosa sembrò finire lì, e solo nell’autunno successivo vennero ripresi i contatti con Marcello che dopo alcuni allenamenti sulla vecchia cartina ci propose di partecipare ai campionati italiani di Collepietra (era la prima cartina a colori della nostra vita) in una giornata fredda e piovosa: qualcuno riuscì perfino a completare il percorso, come Roberto e Armando Cemin nella categoria H17-20, con il tempo di circa 3 ore. Difficile dimenticare la voracità con la quale ci divorammo il quarto di pollo che veniva distribuito dopo l’arrivo ad ogni concorrente. L’ex Val Cismon non andò al di là di un 27° (e terzultimo posto) con due punti. Per l’anno 1981 l’attività si concluse qui.

Marcello Pradel

Nel 1982 i semi mettono radici, germogliano, siamo diventati un bel gruppetto, disponiamo di un pulmino, partecipiamo regolarmente alle gare in calendario (Bellamente, Barbarano, Stoner, Ronzone, Monticolo, Monselice…). Nei campionati italiani di Sella Valsugana il 26 settembre 1982 la nostra sezione vince il primo titolo italiano di orientamento. Ecco come questo avvenimento è riportato sull’Alto Adige: ”Continuano i successi della sezione orientamento della società primierotta… Promotore ed allenatore è Marcello Pradel che fa parte della squadra sportiva delle Fiamme Gialle… Ma la sorpresa è stata nella staffetta femminile dove Cristina Trotter, Manuela Pradel e Mariella Dalla Sega hanno ottenuto un inatteso secondo posto. Nelle prove individuali medaglie d’oro per Cristina Trotter (D16-18) e Manuela Pradel (D13-15) e medaglie d’argento per Roberto Pradel (H16-18), Franco Orler (H19-20) e Dennis Sacchet (H13-14)”.

Quattro anni dopo, nel 1986 (con l’aiuto economico dell’Azienda di Soggiorno) verrà rilevata e stampata la prima cartina a colori della Val Canali sulla quale si sono svolti nell’autunno di quell’anno i campionati italiani individuali e a staffetta con circa 450 atleti al via. Dopo un periodo di grande collaborazione Adriano Bettega, decide di fondare una sezione orienteering ad Imer all’interno del Gruppo Sportivo Pavione, molti altri orientisti nacquero cosi a Primiero.

 

manifesto campionati italiani ’86

 

manifesto 3 Giorni d’Italia ’92  

 

Gruppo anni ’90

Franco Orler per più di 25 anni dirigente di sezione

Successivamente la sezione fu guidata, fino ai giorni nostri, da Franco Orler, Renzo Depaoli e Roberto Pradel con l’aiuto di molte persone, giovani ed adulti che in tempi diversi hanno contribuito attivamente alla crescita e al consolidamento della sezione. Importante è stata anche la figura dell’allora presidente dell’US Val Cismon, Gianfranco Gadenz che ci ha aiutato a crescere come dirigenti.

Gli inizi degli anni novanta sono stati caratterizzati da una forte presenza di orientisti di San Martino di Castrozza, (più di una decina) attivamente inseriti nella giovane organizzazione societaria. Per un bel numero di anni all’interno della sezione vi è stato un gruppetto di Rovereto al seguito di Adriano Vanzo, primierotto di adozione, ancora orientista attivo.

Per sostenere l’attività e promuovere l’orienteering sono state organizzate nel tempo molte manifestazioni di vario livello, di cui possiamo ricordare: Campionati Italiani Individuali e a Staffetta (1986), di cui non possiamo dimenticare le premiazioni di stampo olimpico alla palestra delle Scuole Negrelli, con le classifiche che tardavano ad arrivare; la Tre Giorni d’Italia (1992), una gara internazionale con quasi 2000 concorrenti organizzata con tanta, tanta passione e moltissima incoscienza ma comunque ben riuscita nonostante il tempo veramente inclemente; l’Arge Alp (2000) e l’Alpe Adria successivamente e di nuovo i Campionati Italiani (2006).

 

Roberto Pradel  atleta/dirigente – arrivo Campionati mondiali Norvegia ’97


Corona Pierpaolo – tecnica sopraffina – qui vincitore ai campionati italiani middle

 

Gruppo anni 2000

 

Tantissimi i risultati ottenuti tra i quali vanno ricordati i quattro titoli nazionali assoluti di Roberto Pradel (1989), Pierpaolo Corona (2002), Manuel Negrello (2005) e dalla staffetta elite con Corona Pierpaolo, Roberto Pradel e Manuel Negrello (2005). Oltre ottanta sono stati i titoli individuali ai diversi campionati italiani nel corso degli anni e nelle diverse categorie giovanili e master, impossibile ricordarli tutti, molti sono stati anche gli atleti che si sono guadagnati l’onore di gareggiare per le nazionali juniores (Pierpaolo Corona., Daniele Sacchet, Ruben Casagrande, Andrea Gobber, Cristiano Simoni, Ezio Piccinini, Michele Tavernaro e negli ultimi anni Nicola Giovanelli, Nicole Scalet, Ana Daldon, Marina e Giancarlo Simion) o che hanno vestito la maglia azzurra nelle varie edizioni dei campionati mondiali (Roberto Pradel, Cristina Zorzi, ancora Pierpaolo, Manuel Negrello; nello sci-o: Gianfranco Zeni, Mauro Simoni e Manuela Pradel nell’ormai lontano 1984 a Lavarone).

 

 Manuel Negrello – più volte campione italiano


 Mauro Simoni – assieme ad Elena Jagher, Daniele Orler, Manuel Negrello e Claudia Zanetel tra i nostri più valenti sci-orientisti

 

Non citati prima da ricordare Cristiano Simoni e Michele Tavernaro che passati, alle Fiamme Gialle di Predazzo, si sono fatti apprezzare a livello internazionale. Michele ha colto nel 2005 il 6° posto ai Campionati Mondiali assoluti in Giappone.


 Simoni Cristiano – giovane talento


 

Michele Tavernaro – colui che è arrivato più in alto!

 

Questa in breve l’archeologia storica della sezione.

La storia organizzativa recente, con i Campionati mondiali Juniores nel 2009 e dei Campionati mondiali studenteschi del 2011, è stata un grande successo ed in particolare i JWOC 2009 anche per il grande movimento creato dalla “5 giorni open”, un evento senza precedenti per la nostra Comunità Primierotta. Evento reso possibile solo grazie all’impegno di tutta la nostra polisportiva e di moltissimi volontari!

 

                                   

 

Cerimonia di apertura Jwoc 2009  – www.jwoc2009.it

 

Staffetta dell’Amicizia ISF 2011 – www.italiaor2011.com

 

Ora la nostra sezione è un gruppo eterogeneo, formato da atleti di diversa età e diverse motivazioni: l’esordiente che si cimenta per le prime volte con la cartina, il ragazzo entusiasta alle prime gare importanti, i genitori che condividono con i figli la passione per questo sport, l’amatore che ogni domenica è pronto a lanciare una nuova sfida a se stesso o all’amico, i giovani che corrono per un posto in nazionale e atleti evoluti che prendono parte a gare di livello mondiale.

La nostra sezione ha compiuto il 30°anno di attività nel migliore dei modi, primeggiando ancora una volta nella classifica nazionale per società in tutte le categorie, frutto questo di una crescita costante e continua maturata negli anni, grazie a una buona organizzazione, alle attività proposte, alle molteplici possibilità di allenarsi sia in Italia che all’estero specialmente in terra scandinava, esperienza quest’ultima che ha permesso ai nostri giovani non solo di migliorare la loro tecnica orientistica, ma anche di conoscere una realtà diversa dalla nostra e di ampliare le loro conoscenze.

La storia agonistica recente, tra gli elite è scritta da Manuel Negrello e Giancarlo Simion, più di una volta campioni italiani, cosi come da Carlotta e Nicole Scalet, solo per citarne alcuni. Ottimi giovani ed juniores stanno crescendo cosi come irriducibili master primeggiano in giro per l’Italia. Tra tutti Carlo Rigoni ed il MAESTRO RENZO DEPAOLI.

In questi anni la Sezione è cresciuta nei numeri (ormai 100 tesserati) e nei risultati e, a tutt’oggi, è la società leader in campo nazionale. Nei prossimi anni, con l’aiuto di tutti, la sezione ormai pronta, cercherà  anche il confronto a livello internazionale. Trent’ anni di storia non sono passati invano! Ora più che mai è tempo di guardare lontano.

Nel 2012 la società ha partecipato alla 25 Manna (staffetta a 25 frazionisti in Svezia). Siamo stati la prima società italiana a farlo e abbiamo concluso al 145° posto su 373 team.

Roberto Pradel